Federazione Italiana Nuoto Comitato Regionale Pugliese

PALLANUOTO

Pallanuoto: La Puglia è quinta nel trofeo delle Regioni.

8 Gennaio 2023


Una Puglia che convince e che ritorna con un 5° posto con un bottino totale di 6 vittorie e solo 2 sconfitte in 8 partite nel Torneo. Un gruppo quello guidato da coach GIUSEPPE BORACE che ha saputo tener testa dando battaglia a suon di goal e spirito di sacrificio contro tutte le rappresentative incontrate. Capitan Volpe e compagni sono riusciti nel breve tempo a trovare un’intesa tra loro producendo un gioco che ha convinto e sorpreso addirittura gli addetti ai lavori, ricevuto complimenti e buone impressioni anche dal C.T. Sandro Campagna che ha voluto complimentarsi direttamente con atleti e tecnici.
Un risultato che però non sorprende il tecnico Borace “Ciò che è stato fatto al Trofeo delle Regioni può sorprendere coloro che realmente non intravedono il reale potenziale del movimento pallanuotistico pugliese. Ci sono ragazzi che hanno voglia di giocare e tecnici talentuosi che non aspettano altro che mettersi al lavoro su una programmazione che possa guardare al futuro con chiari propositi e con obiettivi concreti realizzabili. Questo gruppo di ragazzi è stato in grado di dare a tutta la Regione Pallanuotistica una lezione che spero colleghi, dirigenti e presidenti di società intravedano e capiscano, la pallanuoto in Puglia NON E’ FINITA” parole che denotano una chiara veduta da parte del tecnico che ricopre anche il ruolo di settorista pallanuoto nel C.R. Puglia “Viviamo in un tempo di forte difficoltà socio-economica e con impianti come Modugno e lo Stadio del Nuoto chiusi, le uniche vasche da 30m non disponibili le difficoltà aumentano.”
“Ma d’altronde non possiamo arrenderci o campare giustificazioni sul perchè ad oggi le dinamiche non cambiano, se noi per primi tecnici, dirigenti e presidenti di società non facciamo squadra comune nel far sì che la situazione migliori in senso positivo e puntare su una qualità del lavoro che deve essere bilanciato e settato sulla base degli strumenti ad oggi in possesso delle società sotto forma di impiantistica utile, il materiale umano c’è e bisogna lavorare nell’incrementare ancor di più i numeri cercando di limitare le perdite” una visione di insieme da parte del tecnico Borace che ben denota in quale direzione il Comitato Regionale vuole dirigersi “Dicono che la Puglia sia la california del Nuoto, visti i trascorsi e gli ottimi risultati che il settore nuoto regionale ha riscontrato negli anni, penso in maniera umile che questo possa accadere anche nella pallanuoto e ciò potrà esserci solo se una programmazione regionale federale sarà lanciata.” Non a caso in questa stagione parte dei campionati giovanili ha visto l’esordio già nel mese di Novembre nelle categorie U14, U16 e U18, rispetto ad uno storico inizio passato nelle scorse stagioni fissato solitamente nei mesi di Gennaio o Febbraio “C’è tanto lavoro da fare sia a livello regionale che in ogni club, questo risultato ottenuto nel trofeo delle Regioni non deve essere un punto di arrivo, ma bensì un punto di inizio per prendere tutti consapevolezza del potenziale che c’è. Dalla mia farò tutto il possibile e mi metterò in prima linea per lavorare per la crescita del movimento, con il settore centrale che ha ben accolto iniziative ed idee che ho portato nei giorni del torneo, riscontrando consensi e supporto a 360°. Infatti non tarderanno iniziative nel breve tempo rivolte al comparto tecnico e all’incentivare concetti di crescita complessiva come movimento.”

Il percorso della rappresentativa pugliese in questo torneo è stato favorito da un piano di gioco attentamente settato da coach Borace e preparato negli allenamenti collegiali prima della partenza per Ostia “La scelta dei ragazzi è stata fatta ponderando una chiara visione di gioco e devo ammettere che i ragazzi hanno risposto egregiamente agli stimoli seguendo il piano tattico in ogni fase, merito anche della preparazione ottimale con cui i ragazzi sono arrivati al torneo, quindi grande merito va alle società Waterpolo Bari, Mediterraneo Sport e Sport Project” andando più nel dettaglio “Il nostro punto focale è stata la fase difensiva, con un ottimo gioco in pressing alto abbastanza intenso con cui andare a lavorare su attente ripartenze sfruttando la velocità. Nel complesso siamo stati poco incisivi in fase offensiva, infatti bassa percentuale realizzativa nelle superiorità numeriche.” un andamento che ha visto la rappresentativa vincere contro Toscana ( 7-0 ), Marche ( 9-5 ), Veneto ( 6-5 ) con un fantastico goal a 2 secondi dal termine del Capitano Volpe, Emilia Romagna ( 6-0 ) nella finale per il quinto posto e contro la quotata Lombardia ( 6-5 ) e uscendo sconfitta contro Lazio ( 11-5 ) vincitrice del torneo e contro la solida Sicilia ( 9-2)